Nikon Imaging | Italia | Europa

Come fotografare insetti e altre piccole creature

Esistono più di un milione di specie conosciute di insetti che vivono nel nostro mondo e molte di queste minuscole creature si trovano appena fuori dalla vostra porta. Tra l'altro, un insetto è un artropode. Per essere classificato come insetto, deve possedere un corpo segmentato, sei zampe, due antenne, occhi composti e, in alcuni casi, le ali. Altre creature, come i ragni e gli scorpioni, appartengono anch'essi alla famiglia degli artropodi, ma non vengono considerati insetti. Può essere molto divertente fotografare insetti e altre piccole creature. Per il vostro bisogno di avventura vi basta andare nel vostro giardino per scoprire un universo completamente nuovo nei primi piani: la fotografia macro.

Qualche rapido suggerimento per la fotografia macro:

La prima regola fondamentale della fotografia macro è quella di avvicinarsi al soggetto. Per fotografare gli insetti è necessario un obiettivo macro che consenta di mettere a fuoco molto da vicino il soggetto. Un obiettivo macro (questa tipologia di obiettivi viene chiamata da Nikon obiettivi Micro-NIKKOR) consente di fotografare i propri soggetti quasi a grandezza naturale.

Vorrete anche utilizzare un treppiedi per fissare la fotocamera, in particolare quando si utilizza un teleobiettivo o un tempo di posa lungo. Scattare con la fotocamera fissata sul treppiedi, utilizzando un pulsante di scatto del cavo per far scattare l'otturatore, è il metodo di ripresa ideale. Alcuni fotografi passano allo step aggiuntivo di sollevare lo specchio delle loro DSLR prima di far scattare l'otturatore. Questo step riduce ulteriormente la possibilità di movimento. Se non disponete di un pulsante di scatto del cavo, potete utilizzare l'autoscatto della fotocamera.

A seconda di quanto sia possibile avvicinarsi, sarete in grado di inserire completamente nel fotogramma il corpo intero dell'insetto o una sua porzione, ad esempio la testa e le antenne. Siate prudenti e non fatevi pungere.

Gli insetti possiedono corpi attraenti e uno degli obiettivi della fotografia macro è quello di enfatizzare tutti i colori e dettagli del loro microcosmo. La fotografia macro ideale pone la messa a fuoco della fotocamera su occhi, zampe e corpi di questi insetti e sul loro mondo minuscolo. Ad esempio, scattare la fotografia di un ragno nella sua ragnatela racconta una storia più interessante.

Il colore di sfondo svolge un ruolo rilevante nella composizione. Se il soggetto è di colore scuro, come molti insetti, uno sfondo più chiaro e non a fuoco farà in modo che la creatura risalti rispetto a ciò che la circonda e richiamerà l'attenzione di chi guarda su di essa.

La tecnica per far risaltare un insetto rispetto allo sfondo è utilizzare una profondità di campo ridotta. La profondità di campo viene definita come l'area davanti e dietro il soggetto da mettere a fuoco. La profondità di campo è determinata dall'impostazione di apertura. Valori f/ bassi come f/2.8 vi offrono una profondità di campo ridotta, che localizza la messa a fuoco sul soggetto, mentre lo sfondo non è a fuoco.

Un'altra tecnica che utilizzano i fotografi naturalisti consiste nel posizionare la fotocamera in modo tale che un soggetto molto luminoso venga fotografato su uno sfondo scuro. L'esposizione per un soggetto ben illuminato, ad esempio in pieno giorno, o con un fill flash, determinerà la sottoesposizione dello sfondo scuro che apparirà quasi nero. Questo effetto crea uno sfondo scuro uniforme che fa risaltare il soggetto.

Ma se il soggetto e lo sfondo sono entrambi molto luminosi, può risultare difficile separare l'insetto da ciò che lo circonda. Disporre un oggetto domestico, come un pezzo di stoffa o carta dietro il soggetto può agire da base da studio portatile, che isola l'insetto su uno sfondo uniforme e lo distingue da ciò che lo circonda.

Gli insetti sono più mobili quando la temperatura è calda: fotografateli di mattina presto o di sera quando è più fresco e si muoveranno più lentamente. La luce disponibile in queste ore del giorno sarà anche migliore.

© Kristina Kurtzke

D3S, AF-S VR Micro-Nikkor 105mm f/2.8G IF-ED, 1/1000 sec., f/5.6, ISO 200, Manuale, Misurazione matrix.

© Kristina Kurtzke

D3S, AF-S VR Micro-Nikkor 105mm f/2.8G IF-ED, 1/1000 sec., f/5.6, ISO 200, Manuale, Misurazione matrix. Questa è la stessa foto dell'ape sul fiore mostrata a sinistra, ma ritagliata. Mentre è fantastico comporre l'immagine completamente nella fotocamera, ricordatevi che è sempre possibile ritagliarla o sperimentare altre modalità sul computer.

Come per ogni forma di fotografia, semplicemente mantenere le immagini ravvicinate può garantire i risultati più emozionanti ed eccezionali. La pazienza e la perseveranza danno sempre dei frutti. Una buona profondità di campo e l'isolamento del soggetto sono due punti da tenere a mente per fotografie macro eccezionali.