Nikon Imaging | Italia | Europa

Suggerimenti per catturare tramonti meravigliosi

I tramonti sono uno dei soggetti fotografici più apprezzati e ciò che li rende eccezionali è che sono infiniti. Anche dopo che il sole scende al di sotto della linea dell'orizzonte il riverbero del tramonto che illumina il cielo una ventina di minuti dopo può restituire risultati davvero incredibili. Prova a seguire i nostri suggerimenti per sfruttare al meglio questi momenti magici.

©Neil Freeman | Nikon School

• Un modo pratico di anticipare un tramonto promettente è quello di osservare le nuvole: se sono irregolari e posizionate in alto nel cielo con molto spazio tra di loro sono perfette, poiché ogni singola nuvola catturerà un po' di luce e di colore e creerà una scena gradevole. Cortine di nuvole non sono un buon segno! Un'altra indicazione di un buon tramonto è spesso una giornata piovosa: se le nubi piovose iniziano a rendere limpido il cielo verso il tramonto, potresti avere l'opportunità di immortalare uno scatto vincente.

• Con qualsiasi scatto di tramonto, devi reagire velocemente: potresti avere circa 20 minuti affinché qualcosa accada e da un minuto all'altro la foto può risultare drammaticamente diversa a causa del modo in cui la luce si riflette sui vari oggetti e di come cambia la sua intensità. La chiave consiste nell'allestire in anticipo perché se perdi tempo a sistemare le gambe del treppiedi, probabilmente non riuscirai a immortalare i migliori scatti.

• Per produrre immagini di tramonti davvero efficaci e di forte impatto, di solito hai bisogno di più di un semplice tramonto: hai bisogno di soggetti in primo piano nel fotogramma indipendentemente che si tratti di figure, ombre, dettagli o trame, mentre le nuvole e gli uccelli nel cielo possono essere utili per conferire intensità e interesse e dare vita alla scena.

• Con un'esposizione di oltre un secondo (se il sole è già abbondantemente sotto l'orizzonte), potresti voler evitare qualsiasi movimento della fotocamera e ciò significa che dovresti utilizzare un treppiedi e un cavo per pulsante di scatto o l'autoscatto della fotocamera. Con l'affievolirsi della luce avrai bisogno gradualmente di tempi di posa più lunghi. Continua a revisionare le foto sullo schermo e mediante l'istogramma (come spiegato di seguito) e aumenta il tempo di esposizione per il prossimo scatto se necessario. Per la sagoma dei dettagli in primo piano, tuttavia aumenta il tempo di posa, ma non esagerare con il numero di sagome dei dettagli che desideri includere, poiché troppe possono sovraccaricare l'immagine con gli elementi scuri.

• Con il sole ancora presente, impostando la priorità diaframmi (modo A sulla fotocamera) e ISO automatica se scatti a mano libera, la fotocamera produrrà un'esposizione bilanciata in base all'affievolirsi della luce. Al tramonto, con la luce che cambia rapidamente, se usi il modo manuale (modo M) dovrai regolare continuamente le impostazioni della fotocamera per mantenere una buona esposizione. Questo ridurrà il tempo a disposizione per valutare la luce e la composizione per la tua immagine. Se usi un tempo di posa più lento, puoi utilizzare un filtro ND o scegliere un'apertura inferiore, f/11 o f/16. Valori ISO bassi come 64 o 100 ti permettono di ottenere un'immagine di qualità superiore e di utilizzare tempi di posa più lenti.

Per il crepuscolo o per l'ora blu e quando il sole non è più visibile, se scatti ancora in modo priorità diaframmi dovrai usare la funzionalità di compensazione dell'esposizione nella fotocamera per regolare finemente l'esposizione di modo che sia corretta. In alternativa, per avere maggiore controllo sull'esposizione, passare al modo manuale (modo M) ti permette di gestire meglio il tempo di posa e le impostazioni diaframma.

Per essere sicuri di ottenere immagini estremamente nitide in situazioni di luce bassa, puoi scegliere di utilizzare l'autofocus o la messa a fuoco manuale. Con l'autofocus, l'utilizzo del punto AF centrale in condizioni di luce bassa consente una messa a fuoco più rapida. Se trovi ancora difficoltà con la messa a fuoco, passa alla messa a fuoco manuale su obiettivi e corpo macchina della fotocamera, attiva live view e usa il touchscreen o il pulsante + per ingrandire l'immagine sul display LCD, quindi ruota l'anello di messa a fuoco manuale sull'obiettivo fino a che il soggetto diventa nitido. Una terza opzione è quella di adottare un pre-focus dell'obiettivo sul soggetto mentre è ancora a disposizione la luce e bloccare la messa a fuoco.

• Se desideri includere luci in una scena al crepuscolo, come dagli edifici illuminati o dalle luci delle strade, fai attenzione alla misurazione esposimetrica: condizioni di scarsa illuminazione possono ingannare l'esposimetro e causare l'impostazione di un tempo di esposizione più lungo per illuminare l'ampia proporzione di aree scure nella scena, ma ciò determinerà la sovraesposizione e la bruciatura delle parti illuminate. Per gestire questo problema, utilizza la compensazione dell'esposizione: probabilmente avrai bisogno di un paio di stop di sottoesposizione se la maggior parte della scena è scura. Sottoesporre leggermente nelle scene al tramonto migliorerà anche i colori.

• Accertati che le impostazioni siano corrette non solo controllando l'immagine su LCD, ma anche controllando l'istogramma. L'istogramma è una rappresentazione grafica della gamma di toni in una foto, ovvero un'analisi istantanea dell'immagine appena scattata, e con uno scatto di tramonto ti indicherà immediatamente se stai sovraesponendo e bruciando le alte luci. Cerca correzione di alte luci: una concentrazione pesante di picchi irregolari sul lato destro dell'istogramma. Se il sole è presente nell'immagine, le possibilità consistono nel correggere alcune alte luci, ma in molti casi ciò avverrà correttamente a condizione che la maggior parte della curva dell'istogramma sia posizionata verso il centro del grafico.

• Gran parte delle osservazioni di cui sopra possono essere applicate anche se stai riprendendo l'alba. Se stai scattando rivolto verso il sole che tramonta, fai attenzione alla luce parassita dell'obiettivo che schiarisce i dettagli. Puoi contrastare questo fenomeno, scegliendo un'apertura minore per fare entrare meno luce e quindi scurire la scena oppure utilizzare un filtro polarizzante per bloccare la luce in eccesso o un filtro di diffusione per disperderla. Un approccio diverso consiste nell'omettere il sole stesso e concentrarsi invece sul paesaggio illuminato dai suoi raggi morenti (questo funziona anche per le immagini fisse). Per concederti più opzioni mentre stai effettuando le modifiche, prova a catturare quanto più possibile entrambi i tipi di scena che puoi mentre è presente ancora la luce.

Sei suggerimenti rapidi

1. Riprendi sempre i file in formato RAW (NEF) così puoi avere a disposizione quante più informazioni possibili nell'immagine per lavorarci su successivamente nella fase di post-produzione.

2. Scegli "Luce diurna" oppure "Ombra" per il bilanciamento del bianco così da catturare il cielo crepuscolare, come un blu scuro, ed eventuali luci al tungsteno, come un caldo arancione tendente al giallo. Se riprendi in formato RAW potrai correggere qualsiasi problema relativo al bilanciamento del bianco sul PC successivamente.

3. Una regola generale che vale sempre: Il sole è ancora visibile? Priorità diaframmi. Il sole è già tramontato? Esposizione manuale.

4. La fotografia di un tramonto utilizzando il flash può sembrare più che ovvia, ma puoi ottenere un aspetto più naturale inserendo un filtro tungsteno o uno riscaldante sul flash.

5. Utilizza un filtro graduato a densità neutra (ND) con la transizione che coincide con l'orizzonte per bilanciare il contrasto tra il cielo più luminoso del tramonto e il primo piano più scuro.

6. Se non sei un amante della vita notturna, fotografa i tramonti in autunno e inverno, quando i giorni più brevi possono far sì che si verifichino già alle 15:30 in Europa, in base alla distanza dal nord (più si procede verso nord, prima tramonta il sole invernale).

Articolo speciale e immagini forniti da Neil Freeman.