Nikon Imaging | Italia | Europa

Da dove trai la tua ispirazione?

Penso che non si debba mai ripetere un'idea o una storia che è già stata raccontata, tranne nel caso in cui si è assolutamente sicuri di poterla migliorare e si trovino un punto di vista o un approccio unici. Traggo la mia ispirazione da storie interessanti e dai luoghi in cui si verificano.

Che cosa ti motiva come fotografo?

Tutte le storie meritano di essere raccontate e a me piace raccontarle con le mie fotografie. Uno dei miei progetti più noti, Via PanAm, è un progetto multimediale pubblicato su piattaforme diverse che ha richiesto uno sforzo enorme, ma ero deciso a raccontare quella storia e sentivo la responsabilità di doverla raccontare nel modo giusto.

Quali sono le tue foto preferite?

Alcune delle foto che preferisco le ho scattate per un progetto relativo all'innalzamento del livello dei mari. Era un tema che rivestiva uno scarso interesse e non veniva visto come un problema di grande rilevanza, ma che ora è estremamente attuale.

Da quanto tempo utilizzi prodotti Nikon?

Uso prodotti Nikon da 33 anni, anche da prima che iniziasse la mia carriera di fotografo professionista. La mia partnership con Nikon dura quindi da più tempo di quasi ogni altra relazione!

Qual è la tua attrezzatura Nikon preferita e perché?

In passato ero assolutamente innamorato della mia Nikon F2, perché era robusta e affidabile e lavorava bene in condizioni atmosferiche estreme. Mi piace usare la Nikon D810, ha un'ottima risoluzione, ottime funzioni video e le sue dimensioni sono ottime.

Che prodotti utilizzerai più spesso nei prossimi mesi?

Nei prossimi mesi ho in programma di scattare con la Nikon D5: è una fotocamera che sta una spanna sopra al resto per me perché ha degli ISO incredibilmente alti, vicinissimi alla visione notturna. Mi interessa anche mettere alla prova le sue funzionalità video 4K.

Come ti trovi nel tuo nuovo ruolo di Ambasciatore europeo Nikon?

È grandioso potersi avvicinare a un pubblico più ampio e sono felicissimo di avere l'opportunità di condividere la mia conoscenza e di spiegare l'idea e la finalità che caratterizzano il mio lavoro. Rivesto questo ruolo da alcuni anni e mi interessa condividere la mia conoscenza e fungere da ispirazione per gli appassionati e anche per i professionisti.

Come hai reagito quando ti è stato chiesto di divenire ambasciatore?

Come co-fondatore di NOOR, un'organizzazione che riunisce un selezionato gruppo di affermati fotogiornalisti e narratori di documentari interessati a temi di carattere globale, la mia reazione iniziale è stata di grande entusiasmo per la possibilità di poter comunicare questi temi a un pubblico ampio. NOOR ha uno stretto rapporto con Nikon da ormai dieci anni, sin da quando il marchio mi ha offerto una Nikon D300 per un reportage molto importante in Nigeria; mi sembra quindi una progressione naturale della nostra partnership.

Come pensi che possa progredire il tuo ruolo?

Ho iniziato a usare per la prima volta Nikon nel 1983, quindi la mia relazione con il marchio è addirittura più lunga della mia vita professionale. Mi auguro che questo rapporto continui a crescere e sono veramente lieto di rappresentare Nikon e i grandi prodotti di questo marchio.

Sono anche molto entusiasmato dal progetto su cui lavorerò, dalla possibilità di dar vita a qualcosa di importante e di raccontare una storia. E attendo con molto interesse l'opportunità di partecipare a workshop di fotografia in cui darò il mio personale contributo, offrendo consigli per conto di Nikon a un pubblico per me nuovo.